Marlène Schiappa: un po’ di Corsica nel nuovo governo di Édouard Philippe

Marlène Schiappa, nuovo segretario di stato dell’Eguaglianza tra gli uomini e le donne (omologo al ministro delle pari opportunità italiano) del governo nominato dal presidente Emmanuel Macron, è di origine còrsa. E’ nata a Parigi nel 1982 e oggi vive a Le Mans ed è madre di due figli ma non ha mai dimenticato le sue origini isolane e ne parla in questa breve intervista risalente al 2015, sul blog Pari(s) sur la Corse.

Puoi presentarti?

Marléne, 32 anni, 2 figli, eletta, blogger, oratrice e fondatrice di “Maman travaille”. E còrsa.

La Corsica è….

Ho passato ogni estate in Corsica fino all’età di 17 anni. Sia nella frazione dei miei bis bisnonni, nel comune di Sotta e Ajaccio dai miei bisnonni. Più precisamante intorno a Vescovato, Venzolasca e nella Castagniccia da dove veniva la famiglia di mio nonno. Dopo la laurea mi sono trasferita un paio di mesi a Bastia. Ho visitato la Corsica diverse volte e ho scoperto Piana, la zona di Corte e della Restonica, che adoro. La Corsica è più di un posto; è qualcosa dentro di noi dove viviamo. Questo è anche il motivo per cui trovo questa idea meravigliosa di Pari(s) sul Corse.

Qual è il tuo percorso professionale?

Ho lavorato nella pubblicità – uno dei primissimi posti di lavoro nella pubblcità – il capo mi ha assunto perchè ero còrsa. Alla nascita di mia figlia, ho creato un sito aziendale e il blog “Maman travaille”. Sono quindi passata alla testate e ho lavorato per diversi siti e riviste, tra cui le pureplayer (testate senza versione cartacea) Yahoo.fr e MSN.fr. In seguito ho cominciato a tenere conferenze per “Maman travaille” su come conciliare vita professionale, la vita familiare e l’uguaglianza dei genitoriale e professionale. Ho anche pubblicato diversi libri pratici come “Les 200 astuces de Maman travaille” (I 200 trucchi di Maman travaille), “J’arrête de m’épuiserer” (Io smetto di sfinirmi) e di un romanzo “Pas plus de 4 heures de sommeil” (Non ho più 4 ore di sonno),per gli editrici Stock e Le Livre de Poche.

Vuoi parlare di quello che conosci, di quello che hai visto…

Volevo parlare di quello che so, vivere, che cosa sto lavorando in modo diverso, ma con una visione immaginaria. Esso consente più libertà. In “Non più di 4 ore di sonno,” due amiche Emilie e Morgan si sono perse di vista da dieci anni e si ritrovano per caso su Facebook. Una è casalinga in campagna, l’altra è una ragazza iperattiva che lavora a Parigi. Ma alla fine vi accorgerete presto che le cose non sono così semplici come cliché e ci piacerebbe credere nelle reti sociali. E ‘una storia di conciliazione della vita familiareper la vita familiare ma soprattutto l’amicizia, fratellanza, che parla anche di voglia di crescere, la vita di coppia e gli stereotipi di genere.

Verrà adattato per il grande schermo da Mélissa Theuriau

É straordinario e inaspettato, ma io continuo a bene a mente che questo è il suo film e non il mio. Gli autori che non sono in grado di ottenere il loro lavoro è di là di me. Questa è la squadra di Melissa che si rivolgono al film e va bene perché sa circondarsi. Inoltre, non so se l’eroina rimarrà còrsa. Perché i cambiamenti sono previsti e non abbiamo ancora affrontato la questione. E ancora una volta non importa perché non è la storia della mia vita, è una storia inventata. Se Mélissa Theuriau ha altre idee per il film è una grande! E poi m fa sempre morire dal ridere! Ha un vero talento comico e narratore per raccontare storie e di interpretarle.

Ho grande ammirazione per Mélissa Theuriau


Ho grande ammirazione per Mélissa Theuriau come donna e come professionista. E’ molto divertente, volitiva, determinata, sono sicura che si riusicrà a fare un  grande film. Si tratta di qualcuno che ascolta e ha un entusiasmo contagioso. Odio vedere il risultato finale.

Ti ispiri alla Corsica per scrivere i tuoi libri?

 , la Corsica è un esempio per tutti. La famiglia di mio padre viene dall’Alta Rocca, la Corsica è anche la regione Colomba di Mérimée, di leggende di magia e di stregoneria, di storie di clan. Quando sei un bambino, è bello crescere con queste storie. Inoltre c’è poco tempo, ho detto a mia figlia che siamo stati i discendenti della Zinevra strega della Corsica e potrebbe lanciare incantesimi se voleva, è stato molto divertente! E poi ci sono un migliaio di proverbi còrsi che vengono ripetuti, e delle espressioni còrse e ajaccine che rimangono nel nostro linguaggio, “Mi comme je suis goffu ce matin !”.

Raccontaci cosa vuole dire essere còrsa a Parigi.

Nel mio romanzo “Non più di 4 ore di sonno”, uno dei personaggi è còrsa. Non sono io, non è autobiografico, ma ho trovato divertente dire che cosa vuol dire essere una còrsa a Parigi, con qualche tocco di aneddoti. Gli stereotipi che hanno i continentali per la Corsica e battute su bombe o sulle polifonie che tutti pensano di essere i primi a fare sono noiose e  fastidiose.
Quali sono i pregiudizi che ti fanno innervosire di più?

Quasi tutti. Quello che mi infastidisce è la visione di una Corsica binaria: o attacchi, il terrorismo, la mafia .. insomma, una visione violenta, oppure una visione turistica, con a base il formaggio e le spiagge. In entrambi i casi è riduttivo! Per me, la Corsica è qualcosa di diverso da quello. Inoltre, in un libro, il Sindaco di Le Mans, ha detto che la Corsica mentalità mira in modo permanente tra attrazione morbosa e la gioia. Non mi ricordo esattamente come è stato detto, ma ho trovato del tutto vero. Ci piace anche il maccagna (prendere in giro) e a volte continentali non capiscono. Dopo ovviamente che conoscono le idee. Mia figlia ha letto Il bandito còrso recentemente e ha detto che gli ricordava delle cose. Siamo orgogliosi e probabilmente vero, e il motto “spesso conquistata mai sottomessa” è perfetto per me!
Come definire la donna còrsa ieri e di oggi?

Una donna di carattere. C’è un proverbio un po’ stupido ma che adoro, che dice “Non aspirare alle aiaccine, anche noi non ci arriviamo.” Per me la moglie còrsa è la mia zia Martine che amo e che è stato il nostro idolo quando eravamo piccole. Ma, naturalmente, ci sono donne còrse al plurale e non possono definire tutte le donne in una parola. Sarà che ci siamo evoluti, non lo so. Le mie nonne e bisnonne còrse hanno sempre lavorato e condotto la loro vita..


Fonte: Paris sur la Corse – Trad. A. Meloni