Un secolo fa la battaglia sul Chemin des Dames dove morirono molti soldati còrsi

Un secolo fa, durante la I Guerra Mondiale, tra Soissons e Reims sul Chemin des Dames, infuriò l’offensiva fortemente voluta dal generale Nivelle che guidò  61 divisioni di fanteria, 7 di cavalleria e 850.000 uomini contro le truppe tedesche del generale Lundendoff che avevano sul campo 41 divisioni e più di 682.000 uomini con lo scopo di far avanzare il fronte, ma si trasformò subito in una guerra di posizione che durò sei mesi e causò circa 200.000 vittime, molte di queste sepolte o ricordate vicino alla strada che fu luogo di questa carneficina.  Dopo questa battaglia il generale Nivelle venne soprannominato “le boucher” (il macellaio) per questa inutile battaglia che costò moltisisme vite umane.

Il 16 aprile il luogo della battaglia è stato visitato dal presidente francese François Hollande dove ha partecipato ad una commemorazione ufficiale presso il cimitero di Cerny-en-Lannois e come accade spesso anche molti corsi sono andati sul Chemin des Dames ad onorare i molti caduti isolani.

La Corsica pagò un grande tributo alla Grande Guerra, infatti vennero richiamati alle armi 50.000 uomini tra i 17 e i 48 anni su 260.000 abitanti dell’epoca e 12.000 caddero al fronte, moltissimi proprio in trincea o in battaglia al Chemin des Dames. L’ultimo reduce corso della Grande Guerra, Joseph Mondoloni morì nel 2005 a 108 anni.

Poco prima della commemorazione dei settant’anni della battaglia dei Chemin des Dames il gruppo dei Chjami Aghjalesi scrisse il testo della canzone omonima che uscì nell’album U mio cantu del 1986, ecco qua sotto il testo:

Culà l’occhji spenti Miola sunieghja
Culà u mio estru corre à fideghja
Culà ci s’hè firmata la mio vita.

Vecu un pagliaghju fumichendu
Compulu à l’ora di a munta
è a mio memoria s’accende
Per un pizzacciu di pane untu.

Culà Francesc’Antone zappa l’ortu
Culà vecu ballà e barche in portu
Culà ci s’hè firmata la mio vita.

Vecu una scola è un tavulone
Sentu mughjà mille zitelli
è di babbo tante canzone
Mi danu lu fretu à a pella.

Culà Fasgianu trascina duie legne
Culà sentu lu mio paese pienghje
Culà ci s’hè firmata la mio vita.

Vecu una ghjesgia sott’à l’invernu
Dui tizzoni è un casgile
A piaghja cutata è inferma
Ch’aspetta lu mese d’aprile.

Culà sentu u ventu frà i pini
Culà di Roccu sentu u viulinu
Culà ci s’hè firmata la mio vita.

Vecu un chjarasgione fiuritu
è sentu fiscà i pastori
è tanti mumenti felici
L’aghju inchjudati in lu mio core.

Culà vecu a neve per i chjassi
Culà sempre voltenu i mio passi
Culà ci s’hè firmata la mio vita.”

https://www.youtube.com/watch?v=Nh69nh-iJjk