Bacio Feroce, Genova accoglie Saviano per la presentazione del nuovo libro

 

Sono ancora i giovani della Camorra, nati e cresciuti nella criminalità tra piombo e ferro, disillusi dalle promesse di un mondo che non concede niente, i protagonisti del nuovo libro “Bacio Feroce” di Roberto Saviano. Dal 12 ottobre nelle librerie italiane.

 

L’autore, divenuto famoso nel 2006 per bestseller internazionale “Gomorra”, è ispiratore e sceneggiatore dell’omonimo film (vincitore del Grand Prix du Jury al Festival di Cannes nel 2008) e delle serie tv “Gomorra-La serie”, distrubuito in 170 paesi, anche la Francia. Saviano è anche autore di “Vieni via con me” (2011), “ZeroZeroZero” (2013) e “La Paranza dei bambini” (2016). Dal 2006 vive sotto scorta in conseguenza alle minacce da parte dei clan che ha denunciato.

 

È proprio a “Bacio Feroce” che lo scrittore dedica il proprio tour che ieri ha fatto tappa a Genova. Con lui erano presenti quattro giovani lettori italiani e non (anche se nati in Italia) con cui si è parlato di diritto alla legalità e all’integrazione, che per Saviano sono le uniche vie per sfuggire alle organizzazioni criminali. Lo scrittore davanti al pubblico genovese ha spiegato che attraverso il libro vuole fare un appello alle madri: “Non crescete i vostri figli nella competizione. Basta! Insegnate ai vostri figli il fallimento – dice Roberto Saviano – Fallire significa crescere e sperimentare. Ciò che conta è il contenuto, non il risultato. È il dono più grande che possiate fare”.


Articolo di: Donato Mulargia

Donato Mulargia

Classe 1998, sardo, amante della sua isola e della vicina Corsica, appassionato di politica internazionale, si è trasferito a Genova per studiare Scienze internazionali e diplomatiche all'Universita degli Studi di Genova.