Filmu Talianu : 30 anni so passati…

L’anni correnu è sopratuttu quelli chì portanu furtuna. A i primi ghjorni di Ferraghju in Bastia sonna l’ora di u filmu talianu. U vecchju è impunente teatru di a Piazza Favalelli si muta, tandu, in un logu induvè u Sestu Arte, cume u chjamanu i frencesi (riferenza podasse à a ciffra biblica), piglia pusessu di l’aule, di i muri, di l’atmosfera. Ci soffia quì durente una settimana un venticellu di felicità. I bastiacci, hè certa, amanu u cinema talianu. E dipoi 30 anni un scaglianu di a fedeltà. Sempre à l’appuntamentu per centianie ogni ghjornu. Ma u furesteru hè quì dinò, è di sti tempi ùn si trova una camera in cità. E vicinanze trà Corsica è Italia sò da seculi non solu geografiche, culturale, ma carnale.”Mi sentu quì indè u mio mondu” m’hà dettu u regista Marco Tullio Giordana. Genua un’hà tagliatu a funa malgratu cunstrasti è guerra, è a Francia, un’hà pussutu sdradichà a Tuscanità di a Corsica. U cinema talianu cum’ è relazione turistiche tra isula è terra ferma ricosgenu è strappature. Solu l’educazione naziunale si tenne un pò luntana, l’imparera di a lingua taliana ùn ghjè più di moda, hè ùn sguastu !

Vintisei filmi per 30 anni di vita ! Eccu u prugramma di u 2018, è 12 opere in cumpetizione. I cant’autori Mai Pesce in apertura è Tumasgiu Bronzini in chiusura. Due cunferenze à l’iniziativa di a Dante Alighieri : Christiane Golesi prufessore di talianu hà parlatu di “A trilugìa tedescha di Lucchino Visconti” è Patrice Guenifrey storicu è direttore di a scola di è cienze suciale di “Napuleone è l’Italia…chi storia!…”. L’Istitutu culturale talianu di Marseglia in cullaburazione incù u Centru Cinema di a cità di Cesena anu presentatu una mostra fotografica. Una, dedicata à u filmu di Michelangelo Antonioni “L’éclipse”, fotografìe di Vittorugo Contino pigliate quandu si girava u filmu in 1962 à Roma. L’altra mostra hè dedicata à PierPaolo Pasolini incù maghjine di i so filmi “Mamma Roma”,”La ricotta” è “Uccellacci e Uccellini” .

Altre mostre di dipinti di a bastiaccia Gaby Mamberti è di a tuscana Corinna Natalia Balloni. In fine tutti l’affissi di e 30 edizione so state dinò sposte indè u peristile di u teatru. Per à so cunclusione u festivale avìa riservatu à so serata per un’omaggiu à u grende regista Marco Tullio Giordana con dui filmi ” Due soldati è “I cento passi”. Ghjè u filmu di u sardu Gianfranco Cabiddu “La stoffa dei i sogni”chi hà guadantu u Premiu Maiò. Premiu d’interpretazione à a Napulitana Angela Fontana per “l’indivisibile” chi hà dinò ottenutu u premiu di a migliore musica. Una musica originale firmata da Enzo Avitabile. Premiu attribuitu da a radio di serviziu publicu France Bleu RCFM. E u premiu di u Publicu l’hà vintu “Il padre d’Italia” di Fabio Mollo.
In 30 anni u festivale di Bastia hà accoltu parechje pianete di u cinema talianu. So venuti Alberto Sordi, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Claudia cardinale, Nino Manfredi, Mario Monicelli è tant’altri…. Una bella firma per u presidente Renatu Viale, Ghjuvan Battista Croce u prugramatore, è tutta a squadra.

PetruLuigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.