Un principiu d’annu infiaratu

 

U 2018 s’annùncia male. I fochi tremendi so ghjunti in Corsica incù a timpesta Leonora chi hà sbattutu l’inseme di u mediterraniu frencese,  è al dilà. Ma cume capì, cume spiegà ste furiane di fiamme in inguernu ? In generale l’incendii s’ascendenu in estate, è secondu i tempi i danni so cume i gradi di u termomitru. Omu si ricorda di l’incendiu maio di Siscu l’estate scorsu, è e millaie di machja brugiata. Ghjera dinò ghjornu di ventu forte. Ma Leonora ha fattu megliu, hà percorsu i capi di l’isula è d’altri loghi à 200 kilometri à l’ora. Un s’era mai vista. A sta vitezza ùn c’hè nisun’ regione chi ghje pront’ à gestisce un focu nè in estate nè in inguernu. E poi ci so st’annu, cause esogene. A sicchia chi asseca terre, machje e fureste. Un’hà piossu che 10 ghjorni da marzu à dicembre. I scambiamenti climatichi chi sbalurdicenu i tempi, fendu nasce sprupositi di acque o venti. Ma cume po piccià u focu ? A questione si pone. E cause qui dinò so diverse. Po esse un gestu criminale, l’esempii in corsica ùn mancanu. Po esse un’accidente imprevisibile cume un palu eletricu chi rompe sott’à u ventu forte (puderebbe esse u casu per u focu di Chiatra u paese u più dannighjatu). A stu puntu si pone a prublematica di a lotta è di i mezi. U prefettu è u Presidente di l’esecutivu sò d’accunsentu per favurisce a prevenzione. Ci tocc’à pulì e fureste, urganizà a diraschera di i camini campagnoli, sviluppà a demugrafìa agricula. A presenza umana po esse una prudezzione. Une poche d’iniziative so state pigliate in Siscu dopu l’incendii dramatichi di l’estate 2017. Ma tuttu què ùn pò bastà sell’ùn si prevedde mezi permanenti in omi è in materiale per fà fronte, per surveglià per agisce di fretta è dappertuttu. A Corsica hà bisognu di mezi adatti à a so situazione isulana. E per què ci vole solli è a culletività territuriale ùn pò fà fronte sola. Sti ghjorni passati in castagniccia è indè i paesi di a facciata urientale di a corsica ghje statu un veru spaventu. Cervione, San Andria di u Cutone, Chiatra, per i più so stati circundati da e fiamme.  I danni so maiò. Case  è stazzi distrutti, bestiame brusgiatu (pecure capre è vacche), culture partite in fume, pupulazione evacuata, e più di 2000 ettare di machja è fureste ridotte in carbone. Subitu a sulidarità di i corsi s’hè alzata  grazia à e rete suciale è a radiu di serviziu publicu RCFM chi un’hà cessatu durente i ghjorni spiumbati d’infurmà in cuntinua i corsi.

Ferma avà u travagliu di ricustruzzione, di rinovu. Ma a furesta persa ùn si ferà cusi prestu.


Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.